CISA ebook ICBB test software Masks KN95 Mask Diet Pills

Donne e Procurement: Ascolto, inclusione e problem solving - Niuma

Le capacità innate nelle donne che unite alla tecnologia favoriscono il successo

intervista a cura di Niuma a Daniela Banfi, Purchasing manager di NTT Data It

NTT Data Italia è parte dela multinazionale giap-ponese NTT Data, uno dei principali player a livello mondiale nell’am-bito della Consulenza e dei Servizi IT. Digitale, Consulenza, Cyber Security e System Integration sono solo alcune delle principali linee di business.

La sua missione è creare valore per i clienti attraverso l’innovazione. NTT Data conta su una presenza globale in oltre 50 paesi, 118.000 professionisti e una rete internazionale di centri di ricerca e sviluppo a Tokyo, Palo Alto e Cosenza. NTT Data è presente in Italia con oltre 3000 dipendenti e 8 sedi: Milano, Roma, Torino, Genova, Treviso, Pisa, Napoli e Cosenza. Il Procurement office di NTT Data Italia è centralizzato nella sede di Milano ed è composto da 9 buyer. Vengono gestiti gli ordini per tutte le sedi italiane focalizzando l’attività prevalentemente sull’acquisto di servizi professionali a supporto dei progetti cliente movimentando un volume significativo di fornitori e di ordini.

Per questo viene utilizzato un portale fornitori, sviluppato in collaborazione con la società Niuma; è uno strumento di comunicazione con i fornitori che permette di gestire in modo semplice e rapido sia la qualificazione con monitoraggio periodico e automatico della documentazione obbligatoria per la qualifica, sia la valutazione delle performance dei fornitori nonché la pubblicazione degli ordini e delle autorizzazioni a fatturare.

Come è arrivata a ricoprire questo ruolo? Era il suo obiettivo o è stato l'esito di un percorso naturale?

Ho iniziato il mio percorso professionale per un’azienda di servizi e consulenza informatica che è stata acquisita nel 2011 da NTT Data.

All’inizio della mia carriera sono entrata nell’area Controlling, ma in breve tempo, si aprì una posizione all’interno del Procurement e decisi di cogliere questa opportunità. Ero incuriosita dall’attività e dalla possibilità di potermi relazionare con interlocutori anche esterni all’azienda.

Ben presto mi resi conto che questo ruolo mi permetteva di esprimere al meglio le mie capacità e di scoprire una passione per tutte le attività che questa nuova posizione comportava.

Posso ritenermi molto soddisfatta della crescita in quest’area e oggi il ruolo che ricopro mi permette di avere uno sguardo interno sui processi aziendali core e allo stesso tempo una visibilità del mercato esterno e delle sue dinamiche.

Ha incontrato delle difficoltà legate al suo essere donna?

Anche se il settore dell’Information Technology ha una netta prevalenza maschile, personalmente non mi sono mai sentita discriminata. Agli inizi della carriera, c’era forse un disagio nei miei confronti più legato alla mia giovane età che all’essere donna. Ma posso dire che proprio grazie ai momenti di confronto con interlocutori senior è stato possibile accrescere il mio bagaglio professionale anche in termini di esperienza sul campo.

Oggi sono responsabile insieme al mio team di tutti gli acquisti di servizi professionali legati al core business di NTT Data e tra i miei obiettivi c’è quello di trovare soluzioni per soddisfare le esigenze di business che garantiscano il miglior risultato per l’azienda. È inoltre strategico per la mia funzione lo sviluppo di partnership con fornitori affidabili e l’utilizzo di strumenti innovativi come il portale fornitori niumActive.

Come valuta questo tipo di situazione che vede una presenza maschile decisamente preponderante?

Nell’Information Technology è piuttosto comune che i referenti commerciali o i responsabili di aziende siano uomini. È probabile che la necessità di bilanciare le esigenze lavorative e familiari, la mancanza di ruoli femminili a cui ispirarsi e la prevalente presenza maschile negli ambiti tecnologici, fanno sì che nel nostro settore poche donne raggiungano ruoli manageriali. Inoltre, legato ad un aspetto di natura culturale, ancora oggi poche donne scelgono di specializzarsi in materie tecnologiche. È per questo che NTT Data si è impegnata da diverso tempo nel diffondere le materie tecniche e scientifiche fin dall’età scolare e contribuire così ad eliminare i pregiudizi di genere con un programma di Coding nelle scuole dove sono state coinvolte circa 80 scuole primarie in tutto il territorio nazionale.

Il suo invece è un team tutto al femminile: come mai si è deciso di puntare sulle donne?

Il mio team è formato da 8 donne e da un solo uomo. È una scelta che deriva dalle competenze e dalla professionalità delle persone e non da una discriminazione al contrario. Le caratteristiche indispensabili per operare nel Procurement di un’azienda come la nostra sono l’autonomia decisionale, lo spirito d’iniziativa, la predisposizione alla risoluzione dei problemi, l’abilità comunicativa e di negoziazione e la predisposizione al lavoro di gruppo. Alcune di queste caratteristiche sono tipiche di noi donne che abbiamo una capacità innata di ascolto, inclusione e problem solving che ci permettono di organizzare al meglio sia l’ambito familiare che lavorativo.

Il team con cui collaboro è un mix di tutte queste qualità e negli anni abbiamo affrontato i cambiamenti e le evoluzioni di NTT Data con spirito di collaborazione e voglia di migliorare costantemente i nostri risultati. Tuttora ognuno di noi segue in modo verticale le proprie aree di competenza acquisendo sempre maggiore conoscenza e garantendo un supporto affidabile al business.

Si è fatta promotrice di qualche iniziativa atta a sostenere la crescita delle donne in azienda e combattere gli steriotipi di genere?

NTT Data ha dedicato negli ultimi anni particolare attenzione alla valorizzazione dell’universo femminile in azienda e al potenziamento dei ruoli di leadership delle donne promuovendo il programma NTT Donna: nato in Italia nel 2015, da quest’anno si è arricchito di respiro internazionale perché inserito nel programma WIN, acronimo di Women Inspire NTT Data, che coinvolge le sedi NTT Data a livello globale.

Ho partecipato attivamente all’iniziativa NTT Donna con un ruolo di ambasciatrice e sono contenta che abbiamo ottenuto risultati importanti come l’avvio del programma di Smart Working, che ha consentito a tanti colleghi di migliorare l’equilibrio tra vita privata e attività professionale e il nuovo modello di Leadership NTT Data, che è stato definito coniugando le migliori caratteristiche femminili e maschili.

Inoltre, sempre all’interno del programma NTT Donna sono state attivate delle partnership con alcune delle principali organizzazioni che hanno come mission lo sviluppo della carriera e l’empowerment femminile. È stata data a molte donne di NTT Data la possibilità di seguire programmi di mentoring e anche io sono stata affiancata da un coach donna esterno alla mia azienda che mi ha seguito in un percorso di crescita professionale e personale. Ho avuto, così, modo di migliorare gli aspetti che, nel confronto, si sono rivelati più carenti e di valorizzare i miei punti di forza.

Daniela Banfi, Procurement Manager di NTT DATA Italia
Pubblicato sulla rivista "The Procurement" Giugno-Luglio-Agosto 2019

Condividi