Gennaio 4, 2023

Procurement: i trend in Europa nei prossimi anni

eProcurement ESG Gestione degli Acquisti Gestione Dei Fornitori Supply Chain Finance

La trasformazione della funzione Procurement in una unità aziendale critica e profondamente strategica, sebbene sia iniziata molto prima del 2020, ha certamente subito una spinta durante gli anni della pandemia e continuerà nel 2023 e oltre con rinnovata motivazione a causa della pervasiva digitalizzazione dei business, della pressante necessità di agire in modo sostenibile e dell’accresciuta esigenza di rispondere con agilità ai cambiamenti.

Senza indugiare troppo sugli ultimi due anni che, sebbene cruciali, sono stati superati, daremo un’occhiata a quelli che sono stati i temi più importanti del 2022 e a come questi hanno plasmato la prospettiva del Procurement per il 2023 in Europa.

Le principali svolte degli ultimi anni continuano a farsi sentire in questo 2023 appena cominciato, dalle Grandi Dimissioni all’impatto dell’aumento dei costi del carburante sulla logistica della catena di approvvigionamento. Questi fattori potevano essere ragionevolmente previsti. Tuttavia, in pochi avrebbero potuto immaginare che anche l’azione militare della Russia in Ucraina avrebbe avuto le conseguenze di vasta portata che abbiamo visto nella seconda metà del 2022.

Per stare al passo con le contingenze attuali e future, la funzione Acquisti dovrà impegnarsi su alcuni frangenti. Ecco quali:

 

  1. Analitica avanzata

I dati di Gartner mostrano che tre dirigenti della supply chain su quattro collocano gli advanced analytics tra le tecnologie più cruciali per la Supply Chain. Per decenni le aziende si sono affidate a fogli di calcolo per tenere traccia delle informazioni vitali per la gestione della Supply Chain. Questi sistemi, però, non sono adatti allo scopo quando si tratta delle catene di fornitura odierne, complesse e ricche di dati. Il tema dei dati, infatti, è centrale ormai non solo nella gestione della Supply Chain, ma in tutti gli ambiti.

Con l’analitica avanzata, manager e CPO possono avere una visione olistica della Supply Chain, con i suoi punti di forza, i suoi punti deboli e i suoi colli di bottiglia. Non solo, ma l’analitica avanzata può essere una risorsa fondamentale anche nell’analisi della spesa.

 

  1. La sostenibilità torna al centro dell’attenzione

Gli eventi del 2020 hanno fatto passare in secondo piano tutte le altre considerazioni, non ultima la sostenibilità. Improvvisamente, dai depositi di container alle caffetterie, il riutilizzo è stato messo da parte e siamo tornati alla società dell’usa e getta di 15-20 anni fa. Questo trend non può e non deve continuare. I professionisti degli acquisti sono consapevoli che sia i clienti che gli investitori preferiscono lavorare con aziende che si impegnano seriamente per la sostenibilità.

Una ricerca del 2016 di McKinsey che viene ripetutamente citata sin dalla sua pubblicazione dimostra che l’80% delle emissioni di carbonio di un’azienda media proviene dalla sua catena di approvvigionamento. I consumatori consapevoli e gli investitori stanno aumentando la pressione per assicurarsi che le aziende assumano comportamenti e scelte sostenibili. Nel 2023, quindi, i professionisti degli acquisti dovranno porre la sostenibilità al centro delle loro strategie.

L’azzeramento delle emissioni non è più una scelta di vita. I consumatori, non a torto, dicono che se le grandi aziende possono impegnarsi a rispettare la scadenza del 2030 per azzerare le emissioni di carbonio, perché le piccole e medie imprese non possono fare lo stesso? I team di Procurement devono svolgere un ruolo attivo nella realizzazione di questo obiettivo e troveranno la sostenibilità in cima alle loro agende nel 2023 e oltre.

 

  1. Creare una funzione Acquisti più agile e tecnologica

Poiché la funzione del Procurement ha dovuto affrontare contemporaneamente le tendenze a lungo termine e gli shock provocati dalla pandemia, non sono stati solo gli stili e le competenze dei leader a doversi adattare al ritmo. La velocità richiesta per affrontare la crisi nelle prime fasi ha contribuito a snellire i processi decisionali e di risoluzione dei problemi, ma molti Procurement leader si sono chiesti quanta di questa efficacia sarebbero stati in grado di mantenere finita la pandemia. Per la funzione Acquisti, mantenere l’agilità sarà una sfida centrale nei prossimi anni.

Con agilità si intende la capacità di cambiare rapidamente modalità di azione con una strategia aperta e flessibile, per essere in grado di rispondere rapidamente, in tempo reale, a condizioni mutevoli. Strettamente collegato a questo principio è il Risk Management.

In un mondo in cui una delle cose più prevedibili è l’imprevedibilità degli eventi globali, chi ha le migliori strategie e programmi di gestione del rischio salirà in cima alla classifica. A livello interno, il Procurement deve concentrarsi sulla gestione del rischio per promuovere comportamenti corretti, sia per la funzione stessa che per i fornitori. Sono sempre meno le organizzazioni che si fanno prendere la mano in quest’area, il che è positivo, ma c’è ancora molto lavoro da fare e concentrarsi sui fornitori è un buon punto di partenza.

 

  1. Costruire relazioni oltre che sistemi tecnologicamente avanzati

Un’altra lezione degli ultimi anni da portare avanti nel 2023 e oltre è che le relazioni strette aiutano a mantenere stabili le catene di fornitura nei momenti di difficoltà. In uno studio di State of Flux condotto su 424 intervistati, il 60% ha dichiarato che le attività congiunte con i fornitori sono la migliore azione di mitigazione per contrastare le interruzioni della Supply Chain nel 2022.

Non sappiamo cosa ci aspetta, ma visti gli eventi sociali, economici e politici degli ultimi anni, non sarebbe realistico pensare che ci aspettino mari del tutto tranquilli. La pianificazione di emergenza è un argomento a sé stante, ma mantenere stretti rapporti con i fornitori è fondamentale per affrontare qualsiasi dietro l’angolo.

Naturalmente, oggi la creazione di relazioni ha un significato un po’ diverso rispetto al passato. Si tratta di trovare sinergie in modo che le aziende e i loro fornitori lavorino a stretto contatto e siano impegnati nel successo commerciale dell’altro come nel proprio.