Che cosa si intende esattamente quando si parla di “Supplier Management” e perché è tanto importante, nel mercato di oggi, capire quali siano i migliori strumenti di questo ambito aziendale? Vediamolo insieme.
Prima di tutto, cerchiamo di capire che cos’è esattamente il “Supplier Management”. Con questa dicitura, normalmente, si intende la gestione fornitori a livello aziendale, ovvero un processo che il più delle volte include alcuni elementi chiave come, per l’appunto, la gestione:

  • delle informazioni, ovvero acquisizione, archiviazione, aggiornamento ed analisi di tutte le specifiche di cui si è in possesso relativamente ad un supplier;
  • delle relazioni, la creazione di connessioni professionali su cui poter contare;
  • delle prestazioni, assicurare che i fornitori consegnino quanto concordato nel contratto in modo efficiente e tempestivo;
  • dei rischi, intuire ed identificare possibili problemi che potrebbero sorgere e garantire quindi l'attuazione di piani di emergenza;
  • delle conformità, accertarsi che tutti i fornitori siano certificati ed accreditati secondo le norme di legge.

Infatti, avere l’opportunità di lavorare con fornitori affidabili e conformi, i cui obiettivi si allineino a quelli del Business, sarà un giovamento sia dal punto di vista della produzione aziendale sia perché si contribuirà a creare un ambiente di lavoro gradevole e con cui ulteriori fornitori e clienti vorranno avere a che fare.

Perciò, in che modo la tecnologia può aiutare questi processi della gestione fornitori?

La prima soluzione è certamente quella di affidarsi a piattaforme di eSourcing, una strategia progettata per aiutare tutti i responsabili dei fornitori a trovare supplier conformi ed in grado di soddisfare le esigenze del Business al giusto prezzo.

Proseguendo, un secondo ed utile strumento digitale è sicuramente quello della gestione dei contratti, il quale consente agli utenti di avere accesso ad un database centralizzato per la raccolta e gestione di tutta la contrattualistica e documentazione burocratica.

Infine, una terza ed utile strategia è poi quella di adottare un gestionale relativo alle informazioni ed alle relazioni con i fornitori. Infatti, avere sempre sottomano in maniera centralizzata  ed efficiente lo storico relativo ai supplier e tutte le informazioni riguardanti le sue competenze e servizi, permette certamente al team che si occupa dei fornitori di ridurre i costi ed anche i rischi della catena di approvvigionamento. Inoltre, avere la possibilità di contattare i propri fornitori utilizzando sempre il medesimo strumento, permette chiaramente di avere sempre sotto controllo lo stato della collaborazione in essere ed, eventualmente, sfruttare la possibilità di inviare messaggi, questionari o richiedere appuntamenti con il proprio collaboratore, senza mai perdere dettagli importanti relativi alla negoziazione.

In tal senso, una piattaforma capace di mettere insieme tali strumenti e strategie può consentire ad ogni Buyer di fare scouting tra i possibili fornitori, entrare in contatto con loro per il processo di negoziazione del servizio e - soprattutto - controllare che il fornitore individuato sia conforme dal punto di vista della sua credibilità nel mercato e che possa assicurare le sue competenze fornendo documenti e certificazioni apposite.

A cura di M. Fabbro

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *