Quello del Risk Management è uno dei temi più urgenti per le aziende di tutti i settori produttivi. A partire dal 2020, con la diffusione della pandemia da Covid-19, e a seguire con tutte le altre contingenze negative che si sono susseguite, dalla crisi delle materie prime alla guerra contro l'Ucraina, i rischi per le aziende si sono moltiplicati e non sempre i business si sono trovati - e si trovano - preparati ad affrontarli.

Anche Niuma ha voluto approfondire alcuni temi relativi alla gestione del rischio negli ultimi mesi. Ripercorriamo insieme i contenuti più salienti:

  1. La mappa del rischio aziendale come guida del business

Partiamo con il primo strumento di Risk Management: la mappa del rischio aziendale. In questo articolo abbiamo analizzato che tipo di strumento sia, per cosa sia progettato e abbiamo poi raccolto i cinque passi da effettuare nella progettazione della propria mappa del rischio.

  1. I rischi legati al Procurement nel 2022

Come abbiamo già detto in apertura, il 2020 e il 2021 hanno portato enormi sconvolgimenti travolgendo inevitabilmente anche gli approvvigionamenti. In questo articolo, dunque, abbiamo parlato di Risk Management, approfondendo i rischi più urgenti nel 2022 per le organizzazioni.

  1. Rischio di fornitura: come gestirlo?

Per chi lavora nel procurement il Risk Management è, prima di tutto, gestione del rischio di fornitura. Le aziende che lavorano con fornitori terzi, quindi, dovrebbero concentrarsi sulle strategie per la gestione del rischio di fornitura; con un’attenzione particolare al rapporto coi fornitori e alla compliance ESG e normativa.

  1. Rischi di fornitura: dall’identificazione alla valutazione, la nuova soluzione di Niuma

Per chiudere questo focus sul Risk Management, non potevamo non citare la nostra soluzione per gestire il rischio di fornitura. Una soluzione che raccoglie i 3 step fondamentali del Risk Management: Identificazione, Analisi e Valutazione del rischio; una soluzione sperimentata al fianco di GEFRAN, nostra storica partner.

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *